Reggio Calabria Notizie Ultime news a portata di Click
Ecco l'Italicum il cui testo é stato depositato alla Camera

Giovedì 23 Gennaio 2014

Premio di maggioranza al 18% per chi raggiunge il 35%. Soglia di sbarramento al 12% per le coalizioni e all'8% per...

Leggi tutto...
La rivoluzione delle città metropolitane passa per i distretti dell’innovazione

Martedì 21 Gennaio 2014

In che modo i contesti urbani possono contribuire allo sviluppo economico di un territorio e di un intero sistema...

Leggi tutto...
Memorie - Il genio universale di Antonellus Messaneus

Mercoledì 15 Gennaio 2014

di Anna Foti - Interprete del suo tempo, capace di contaminare gli artisti a lui contemporanei e nutrire di stimoli...

Leggi tutto...
Storie di calabresi lontani da casa – Lucrezia Valia

Lunedì 13 Gennaio 2014

di Damiano Praticò - Lucrezia Valia è un'attrice nata a Catanzaro nel 1966. Da giovane, ha vissuto in Calabria per...

Leggi tutto...
Città eco-sostenibili, bisogna crederci fino in fondo

Venerdì 10 Gennaio 2014

L’Istat ha pubblicato nei giorni scorsi, all’interno della rilevazione “Dati ambientali nelle città”, un focus...

Leggi tutto...

La voce di quel sogno

ReggioCalabria News Story - ReggioCalabria News 2009
Scritto da Il Fatto Online   
Giovedì 14 Maggio 2009 18:03

Avevo un sogno:  fare la giornalista. Sì lo avevo,  11 ore fa ancora lo sentivo pulsare  nelle vene quel sogno. Ho preso l’ascensore, sesto piano di un palazzo in centro, alle 8.40 del 13 maggio, la borsa pesante di libri e aspirazioni, dubbi e qualche via d’uscita.  Un euro, ho comprato il giornale, è quello che faccio ogni mattina. Un euro non è molto per provare capire cosa accade nel mondo o meglio, nella tua Italia (ammesso che sia tua) mentre studi Storia. Il mio giornalaio di fiducia, un ragazzo troppo carino apostrofa la mia giornata con una frase a brucia pelo, inaspettata “Stamattina qualche rivelazione che potrebbe interessarti, buono studio” . Sorrido, impugno la mia penna blu, firmo contro l’articolo 24 della legge 133/2008. Non capisco perché l’Italia mi fa sempre questi scherzetti, ops il governo italiano. Governo?! Sono arrabbiata, profondamente arrabbiata. Pagina 11. Leggo le dichiarazioni di Mentana. Mentana, sì, proprio lui quello di Matrix, l’ex del Tg5. Quello riccio, con il tono di voce prepotente e affascinante, quello che ascolteresti per ore senza mai interromperlo. Ha scritto un’autobiografia “Passionaccia” , credo si voglia riferire a quel sogno lì, quello stesso di cui ho parlato nella prima riga di questo … di questo cosa? Non voglio chiamarlo articolo, non è un articolo, è uno sfogo, l’ultimo. “Così dissi addio a Mediaset”. Racconta di tutto, racconta il disagio, racconta la falsità, i giochi loschi dietro la disinformazione che si atteggia ad informazione, racconta il ribrezzo e i brividi di un uomo che una sera si è ritrovato per sbaglio, circondato non dalla “prima linea dell’informazione” ma da una sorta di … comitato elettorale. Era il 2008, era una settimana dopo il trionfo del Cavaliere. Comitato elettorale? Ma stiamo parlando di quel lavoro lì??? Quel lavoro in cui è necessario occhio critico, osservazione, carta e penna? Stiamo parlando di quella professione lì?? Adesso si chiama comitato elettorale, non piu’ ordine di giornalisti. Mi fermo, rifletto, quell’ affermazione mi ha bloccato la mente, i muscoli. Non è possibile. Ma se lo dice Mentana potrebbe anche esserlo. E-mail inviata quella stessa notte, di quella stessa sera “Mi aiuti ad uscire Presidente. Lo farò in punta di piedi”. Un timore ansioso mi pervade, decido di non continuare la lettura dell’articolo e di andare immediatamente a comprare quell’autobiografia. È qui, sul mio comodino, la osservo. Non ho il coraggio, non ho il coraggio di aprirlo quel libro. Oggi la distruzione di un sogno, ho sempre pensato a quella mia penna blu, rigorosamente blu, e a questo foglio bianco A4, come l’arma, l’arma per eccellenza, l’arma che scava dentro me stessa per far conoscere ad una me stessa l’altra me stessa, l’arma per il pensiero frutto dell’osservazione della realtà, l’arma del non-voglio-convincere-nessuno, l’arma della condivisione democratica. Ho avuto la sensazione di esserne stata privata, è come se quella penna blu non avesse magia, quella magia, la magia che solo uno scritto puo’ provocare. E’ come se quel foglio bianco fosse scarabocchiato, anzi è come se in questo foglio non-scarabocchiato ci fosse un testo, un testo con dei puntini, un testo da completare, ma l’opzione è solo una. Solo ed esclusivamente una.





Vai alla Fonte
 
Iscrivi il tuo sito o blog nella nostra Directory e diffondi i tuoi articoli segnalando il tuo Feed Rss.
Anche il tuo sito o blog può diventare una fonte di Reggio Calabria Notizie che aggrega i contenuti dai migliori Siti Reggini
Dai più visibilità al tuo sito, al tuo Blog, alla tua Pagina personale
Per saperne di più, non esitare a contattarci
Informativa sulla privacy
Powered by Taolos Web Agency PI:03100660830 | Seo & Optimization by Joomla Blog | User Generated content - Ugc ReggioCalabriaNotizie.it