Reggio Calabria Notizie Ultime news a portata di Click
Ecco l'Italicum il cui testo é stato depositato alla Camera

Giovedì 23 Gennaio 2014

Premio di maggioranza al 18% per chi raggiunge il 35%. Soglia di sbarramento al 12% per le coalizioni e all'8% per...

Leggi tutto...
La rivoluzione delle città metropolitane passa per i distretti dell’innovazione

Martedì 21 Gennaio 2014

In che modo i contesti urbani possono contribuire allo sviluppo economico di un territorio e di un intero sistema...

Leggi tutto...
Memorie - Il genio universale di Antonellus Messaneus

Mercoledì 15 Gennaio 2014

di Anna Foti - Interprete del suo tempo, capace di contaminare gli artisti a lui contemporanei e nutrire di stimoli...

Leggi tutto...
Storie di calabresi lontani da casa – Lucrezia Valia

Lunedì 13 Gennaio 2014

di Damiano Praticò - Lucrezia Valia è un'attrice nata a Catanzaro nel 1966. Da giovane, ha vissuto in Calabria per...

Leggi tutto...
Città eco-sostenibili, bisogna crederci fino in fondo

Venerdì 10 Gennaio 2014

L’Istat ha pubblicato nei giorni scorsi, all’interno della rilevazione “Dati ambientali nelle città”, un focus...

Leggi tutto...

Più che una celebrazione la Rivolta meritava analisi e approfondimenti

ReggioCalabria News - Cultura Reggio Calabria
Scritto da Peppe Caridi   
Lunedì 09 Agosto 2010 13:55
http://www.gazzettadelsud.it – Una riflessione di Francesco Catanzariti sulla Rivolta. Per l’ex parlamentare del Pdci è l’occasione per riesaminare una pagina di storia reggina della quale di recente si è celebrato il quarantennale. «Il 14 luglio – scrive Catanzariti – è una data storica che rimanda alla presa della Bastiglia in Francia, come è stato ricordato [...]



plugins/content/imagesresizecache/8aadd10d8f1e02b4f2d4fe106c4ad515.jpeghttp://www.gazzettadelsud.it – Una riflessione di Francesco Catanzariti sulla Rivolta. Per l’ex parlamentare del Pdci è l’occasione per riesaminare una pagina di storia reggina della quale di recente si è celebrato il quarantennale. «Il 14 luglio – scrive Catanzariti – è una data storica che rimanda alla presa della Bastiglia in Francia, come è stato ricordato anche da Tonio Licordari. Ma a Reggio è la data dell’inizio dei moti. Più che una celebrazione dell’evento c’era e c’è ancora bisogno di un’analisi e un’interpretazione più attenta e approfondita.  Ho fatto questa premessa per dichiarare il mio disaccordo con le affermazioni di certi intellettuali e storici (peggio se di sinistra) quando affermano che “non bastò il sogno di 10.500 posti di lavoro a sedare la protesta… e questo perché alla radice della rivolta non c’erano (udite, udite!) ragioni economico sociali”. Non ci sorprende e scandalizza in questo contesto che qualcuno arriva da altre provincie a proporre, in questa occasione, di mettere “il lutto al braccio… per la sede del Consiglio Regionale a Reggio…”. Tutto ciò succede perché non si è tentato di fare un’analisi seria della situazione e delle motivazioni sociali ed economiche vere alla base della rivolta».

Catanzariti allarga il campo di analisi: «Non a caso don Antonino Denisi avverte l’esigenza di dare alle stampe un suo scritto che mette in luce il ruolo (non sempre compreso) della Chiesa in quel periodo. Così come, volutamente o meno, si è incappati in errori di analisi e interpretazioni trascurando il ruolo del sindacato prima e dopo la rivolta. Il sindacato non era stato insensibile a difendere il ruolo, il prestigio della nostra città, le ragioni economico-sociali alla base del profondo malcontento. Ricordo, prima della rivolta, l’agitazione, alla quale il sindacato ha partecipato, per l’istituzione a Reggio della Corte d’appello, la battaglia e le lotte per il superamento delle zone salariali, dei coloni, delle Omeca, di braccianti, gelsominaie, forestali, edili. Lotte e problematiche che denunciavano un forte turbamento del popolo reggino».

Catanzariti prosegue: «A tutto questo si è aggiunta una problematica dovuta alle scelte che dovevano essere fatte per la collocazione nella Regione del capoluogo, dell’Università, del V centro siderurgico. La classe politica calabrese non fu all’altezza del compito perché si lasciò guidare dalle ragioni non nobili del campanile, determinando scelte, a volte, non giustificate neanche storicamente, trascurando ed emarginando ragioni anche di elementare giustizia. Da qui, prima della rivolta, nacque il discorso della “contestualità” per una giusta ripartizione delle scelte, così come venne sancito in una delibera del Consiglio comunale reggino votata quasi all’unanimità. E in questa logica si sono mosse Cgil, Cisl, Uil come è dimostrato dal convegno unitario tenutosi a Vibo il 28 febbraio e il 1 marzo 1970 che ha proclamato lo sciopero generale per i 100 mila posti di lavoro il 15 aprile 1970. Cioè per una politica di sviluppo e di occupazione che interessava e univa tutti i calabresi e in questo contesto andavano risolti i problemi Università, capoluogo, V Centro siderurgico».
«Così come sarebbe giusto ricordare – conclude Catanzariti – la manifestazione a Roma dei calabresi e, soprattutto, dei reggini guidata da noi sindacalisti, tra gli altri Zavettieri, Alvaro, Diano, Chirico (Uil) e Lazzeri (Cisl), conclusasi con la significativa restituzione ad Andreotti della “prima pietra” del V Centro siderurgico non realizzato anche se promesso. Problematiche che, per una giusta interpretazione dei fatti di Reggio e per conseguire uno sbocco positivo meriterebbero degli approfondimenti, ma anche delle autocritiche per non aver creato le condizioni di sbocchi positivi sul piano dell’occupazione e dello sviluppo».



Vai alla Fonte
 
Iscrivi il tuo sito o blog nella nostra Directory e diffondi i tuoi articoli segnalando il tuo Feed Rss.
Anche il tuo sito o blog può diventare una fonte di Reggio Calabria Notizie che aggrega i contenuti dai migliori Siti Reggini
Dai più visibilità al tuo sito, al tuo Blog, alla tua Pagina personale
Per saperne di più, non esitare a contattarci
Informativa sulla privacy
Powered by Taolos Web Agency PI:03100660830 | Seo & Optimization by Joomla Blog | User Generated content - Ugc ReggioCalabriaNotizie.it